fbpx

Se il tuo sviluppatore ti ha invitato a testare l’app in Beta, questa guida farà al caso tuo.

Per Android il passaggio è semplice:
Dovrai attivare sul tuo cellulare la modalità sviluppatore e attivare fonti sconosciute, ma attenzione, ti consiglio di disattivarla successivamente per una questione di sicurezza(per farla breve).
1. Vai su Impostazioni nel menu dell’applicazione del dispositivo.
2. Clicca la voce “Applicazioni”. Attenzione potrebbe non chiamarsi esattamente Applicazioni perché ogni brand di cellulare Android potrebbe averla customizzata, sul mio Google pixel ad esempio si chiama App e notifiche.
3. Cerca l’opzione Fonti sconosciute e attivala.
4. Anche qui (Varia da cellulare a cellulare) alcuni mostrano un avviso di sicurezza, è sarà necessario accettarlo.

Perfetto, adesso puoi installare qualsiasi app al di fuori del PlayStore, fai attenzione che in questo modo potresti installare anche app contenenti virus! Come? scaricando ad esempio app a pagamento, in modo illegale da un app store pirata.

Clicca ripetutamente questa voce per sbloccare la modalità sviluppatore

Per iOS/Iphone dovrai solo installare un app per testare altre app (non è un gioco di parole):
Testflight immaginalo come se fosse uno store “privato” di app, quindi all’interno troverai la tua e tutte le app che sei abilitato a testare.

1. Vai su AppStore e scarica Testflight
2. Apri l’app
3. Se il tuo sviluppatore ha richiesto la tua email Apple (Apple ID) allora troverai la tua app in beta, ti basta solo scaricarla e sarai pronto per testare!

Icona App Testflight

Cosa fare se non trovi l’app che devi testare all’interno di TestFlight?
Hai due opzioni, richiedere un Reedem code oppure opzione più semplice (chiedere un link pubblico).

Ricorda: Se stai testando un app, molto probabilmente ti trovi in una fase chiamata QA che sta per Quality Assurance. Questo step può essere molto stressante perché devi riportare i bug che trovi durante il testing, è fondamentale che descrivi al tuo sviluppatore i passaggi che hai effettuato per trovare il bug in modo che possa simularlo. Tieni anche in considerazione che ogni dispositivo risponde diversamente, infatti molti decidono di sviluppare solo per iPhone perché avendo un pochi dispositivi a disposizione è più facile creare un app stabile, invece per Android esistono centinaia di migliaia di dispositivi, quindi buona fortuna a testare android!

There are currently no comments.